Le spese di manutenzione

Il trattamento fiscale delle spese di manutenzione sui beni ammortizzabili propri dell’impresa è basato sulla distinzione fra:

  • manutenzioni ordinarie;
  • manutenzioni straordinarie.

Le prime si riferiscono alle spese ordinarie per il corretto funzionamento dei beni strumentali propri, e vengono spesate interamente nell’esercizio di competenza. Tuttavia vi è un limite imposto dal TUIR alla deducibilità di tali costi, nella misura del 5% del valore dei cespiti ammortizzabili rilevabili dal registro dei beni ammortizzabili. L’eccedenza potrà però essere portata in deduzione nei 5 anni successivi.

Le seconde si riferiscono invece alle manutenzioni che aumentano di fatto la vita utile del bene, aumentandone la residua possibilità di utilizzo: in questo caso è possibile capitalizzare tali costi in aumento del valore del bene, e fruire di maggiori quote di ammortamento negli anni seguenti, con la riformulazione del piano di ammortamento

 

Studio Emmi – Commercialista online

Contrassegnato da tag , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: